Books

Books

Roberto Zucchelli – Enérgeia

Esplorazione delle fondamenta eteriche dell’universo: energia, coscienza e vita

“Cos’è l’energia? Quali principi la regolano? Quale fine persegue? E, soprattutto, qual è il rapporto tra energia, coscienza e vita? Sono tutti quesiti che affascinano, appassionano e incuriosiscono e di cui, in questo libro, si traccia un utile principio di risposta.

Questa, infatti, è un opera che costituisce al tempo stesso un punto di arrivo e un punto di partenza: frutto della ricerca e degli studi del suo Autore e di tutto il team di Aetere’s, offre, in una forma accessibile a chiunque, informazioni fondamentali per l’evoluzione di una nuova coscienza di quelle che sono le reali dinamiche energetiche che governano l’universo e la vita. Con la conoscenza nasce spesso la consapevolezza e la spinta verso la ricerca di soluzioni, e questo libro racchiude il fondamento dell’ingegneria sottile Aetere’s, da apprendere e utilizzare per il miglioramento di numerosi ambiti della propria vita: dagli interventi di riarmonizzazione energetica ambientale degli spazi di vita, alle operazioni di purificazione, riarmonizzazione e attivazione energetica dell’acqua potabile, ai trattamenti di riequilibrio energetico della persona.”

La decisione di redigere questo manoscritto è figlia, in primo luogo, della volontà di divulgare e condividere delle conoscenze che potranno essere utili ed evolutive anche per altri.

La seconda motivazione è emersa durante gli eventi formativi e i numerosi workshops didattici, condotti negli ultimi anni da me e dagli altri docenti del dipartimento Holistic Lab Aetere’s, che sono stati caratterizzati dalla richiesta costante, da parte dei corsisti, di consigli su testi da acquistare per studiare le fonti ed approfondire quegli argomenti che, per motivi di tempo o di opportunità, erano stati descritti in maniera sintetica; è veramente complesso consigliare dei testi in particolare, perché ho un debito di riconoscenza verso ogni libro letto, e ne ho letti molti e in ognuno di loro ho potuto raccogliere almeno una briciola o ricevere un’indicazione utile per continuare il mio viaggio di conoscenza.

Questo progetto editoriale rappresenta lo sforzo di redigere uno stato dell’arte sulle energie cosiddette “sottili” (ma non solo) ed è stato concepito per diventare un vero e proprio compendio, un manuale sull’argomento, uno strumento didattico e formativo che potesse essere chiaro, sintetico, fruibile, ma sufficientemente esaustivo. L’ambizione è che non risulti “semplicemente” una raccolta o una sintesi “digerita” di una grande mole di informazioni e intuizioni altrui, ma che sia in grado di illustrare l’impianto teorico originale che sta alla base di una didattica, di una progettualità tecnologica e operatività concreta che contraddistingue l’AETERES: Associazione per l’Evoluzione Tecnologica E Ricerca sulle Energie Sottili.

Prezzo al pubblico: € 23,00

Presentazione del libro

Intervista all’autore Roberto Zucchelli

da Crono News: https://crono.news/Y:2020/M:03/D:16/h:16/m:53/s:15/energia-e-fisica-quantistica-intervista-al-ricercatore-roberto-zucchelli/

di Cristiano Luchini

Energia e fisica quantistica: intervista al ricercatore Roberto Zucchelli, autore del libro “Enérgeia” – Esplorazione delle fondamenta eteriche dell’universo: energia, coscienza e vita”.

Energia e fisica quantistica: Focus su Roberto Zucchelli, ricercatore e terapeuta da numerosi anni nel campo delle cosiddette energie sottili. Nel 2012, insieme ad un gruppo di ricercatori, ha fondato Aetere’s™, realtà che si occupa di Biocompatibilità e Riarmonizzazione Ambientale ed Energia negli Spazi. In Aetere’s™ vengono studiate ed applicate realizzate tecnologie innovative nel campo nell’ambito sia del benessere psicofisico che di quello ambientale.  Ecco alcune domande poste a Roberto Zucchelli, autore del libro “Enérgeia” – Esplorazione delle fondamenta eteriche dell’universo: energia, coscienza e vita”:

Come mai un libro dedicato all’energia?

“L’energia è il fondamento stesso della cosiddetta “realtà”. La materia, in sé, non esiste, ma “nasce e consiste solo mediante una forza” affermò Max Planck, il padre della Meccanica dei quanti, nel lontano 1950. Tutto è energia, manifesta o virtuale. Ancora Planck:“l’atomo è vuoto: tutto il mondo, al 99,9999% è spazio vuoto”. Un vuoto quantico che è paradossalmente pieno, di energia. La vita stessa è un complesso sistema, composto e nutrito da flussi di energia. Conoscere l’energia, nelle sue molteplici forme e conoscere le leggi che la governano, è di fondamentale importanza per comprendere la vita e i suoi processi.”

Cosa può insegnarci nel viver quotidiano, lo studio delle energia del nostro pianeta?

“Un sinonimo di energia è informazione e oggi l’informazione appare in forma di bit. Se tutto è energia, “tutto è bit!”, come ha affermato il fisico John Arcibald Wheeler. Noi stessi siamo fatti di energia e quindi di informazioni. In quanto sistemi viventi, siamo sistemi energetici aperti e la qualità della nostra vita dipende dalla qualità armonica delle informazioni che scambiamo con l’ambiente che ci circonda, perché la vita è scambio. Solo conoscendo le dinamiche di interazione e i parametri delle energie biocompatibili, possiamo riconoscerle e attuare strategie finalizzate a promuovere il benessere nostro e dei nostri cari.”

“La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell’enigma che stiamo cercando di risolvere.”
(Max Planck)

Cosa pensa del proliferare di studi e libri sul cosiddetto Cervello Quantico?

“Tutte le stra-ordinarie implicazioni che emergono dall’interpretazione dei fenomeni quantistici hanno creato una straordinaria fascinazione e attrattiva verso questi temi. Stiamo scoprendo che il funzionamento di un sistema incredibilmente complesso come quello del corpo umano, composto da circa 100.000 miliardi di cellule, è governato dalle leggi quantiche del reame sub-atomico. Il pensiero, la memoria, la coscienza, sono caratteristiche così complesse, sia per il numero di bit da computare, che per la velocità di computazione, da necessitare dinamiche non locali (quantistiche) e strutture anatomiche coerenti a tali funzioni. Un meraviglioso universo da esplorare, perché ancora “hic sunt leones”.

Perché leggere “Enèrgeia”?

“Perché “Noi siamo formati dai nostri pensieri, noi diventiamo quello che pensiamo”, come diceva il Buddha. I nostri pensieri e il modo in cui percepiamo e interpretiamo il mondo, dipendono dalla qualità e ricchezza delle nostre informazioni, delle nostre conoscenze. Il sentire può e deve accompagnarsi al conoscere. Sapere cosa sia l’energia, come funziona l’universo, quali sono le leggi causali operanti, quale può essere lo scopo, ci permette di indagare il senso della vita, nella sua triplice accezione di sensazione, significato e fine. In un’era, ad esempio, in cui l’inquinamento prodotto dall’energie radianti sta aumentano esponenzialmente, conoscerne gli effetti nocivi sul vivente, diventa di vitale importanza anche per la nostra salute.”

Andrea Amato – Lituus

SECONDA EDIZIONE

Gli Etruschi e le energie della Madre Terra
I sentieri nei luoghi attraverso le emozioni di un giovane àugure

Il contenuto di quest’opera insegue le tracce di un personaggio realmente esistito attraverso le vicende della sua evoluzione personale, da adolescente scanzonato e facile preda della propria sensualità ad àugure illuminato e conscio del proprio ruolo. Il personaggio storico è Caile Vipinas nel periodo della sua esistenza in cui è ancora ignaro del proprio futuro: in quella fase in cui è solo il giovane rampollo di una nobile famiglia etrusca di Caere anche se pare destinato a diventare uno dei re di Roma.

Il racconto invece si ferma molto prima: il suo protagonista, Caile, non sembra nutrire alcun interesse per la possibilità di entrare nella storia. Quello che gli importa veramente è di trovare se stesso e, nel frattempo, di divertirsi più che può. Per questo affronterà le prove iniziatiche, alcune davvero traumatizzanti, che lo faranno diventare un àugure, uno dei dodici sommi, con la disinvoltura un po’ folle di un adolescente che si considera quasi immortale e la leggerezza consapevole di chi avverte, dentro di sé, la propria natura quasi divina.

Noi lettori, che lo seguiremo nel suo percorso, scopriremo una pagina dopo l’altra come si svolge l’esistenza di un giovane aristocratico etrusco. Entreremo nel centro, pulsante di vibrazioni mistiche, delle cerimonie iniziatiche: il suono officiato dai dodici sacerdoti, il corteo dei Misteri delle acque, lo sprofondare nei labirinti degli dei in cerca della Grande Madre e la successiva resurrezione, la terrificante cerimonia delle folgori sull’isola di Ilva, la fondazione della nuova città di Statnes e, in conclusione, le sconvolgenti rivelazioni ricevute durante il funerale di Aranthur.

Nel corso del racconto, entreremo progressivamente più in profondità nell’animo del personaggio e intanto percepiremo in sottofondo qualcosa che sembra un contrappunto musicale in sordina e che descrive le sensazioni di un narratore molto lontano nel tempo dietro al quale si nasconde lo stesso autore.

Prezzo al pubblico: € 14,00 Ebook: € 4,99

Ebook disponibile su Amazon, IBS e Mondadori.

Ulteriori informazioni

Intervista all’autore Andrea Amato

da Crono News: https://crono.news/Y:2020/M:02/D:17/h:12/m:53/s:04/romanzo-storico-e-popoli-italici-gli-etruschi-narrati-da-andrea-amato/

di Cristiano Luchini

Romanzo storico e popoli italici: gli Etruschi narrati da Andrea Amato. Un viaggio, tra storia e misticismo, nel misterioso mondo degli Etruschi.

Romanzo storico e popoli italici: Focus sul romanzo “Lituus – Gli Etruschi e le energie della Madre Terra” dello scrittore Andrea Amato. La passione, la ricerca e lo studio dell’archeologia e per i luoghi di energia, hanno condotto Andrea, con un gruppo di lungimiranti ricercatori, a fondare, l’innovativa AEtere’s srl, realtà che si occupa di Biocompatibilità e Riarmonizzazione Ambientale, ed Energia negli Spazi, attraverso rilevamenti, progettazione e realizzazione di tecnologia.

Andrea conduce interessanti seminari e conferenze in ArcheoEnergia, Architettura e Geometria Sacra, ed Energia nell’Arte. Il suo romanzo “Lituus – Gli Etruschi e le energie della Madre Terra” è la sua prima opera narrativa frutto dei suoi anni di ricerca in campo archeologico. Edito da Oac Edizioni, il libro, che ha come protagonista un giovane àugure, è un lavoro di minuziosa ricostruzione di quello che doveva essere l’ambiente e lo stile di vita di un nobile etrusco, prima che Roma venisse prepotentemente alla ribalta. Ecco alcune domande che abbiamo posto all’autore:

Romanzo storico come strumento di recupero della memoria storica dell’Italia preromana?

“Si, anche. Perché la storia è di chi la scrive, e i Romani hanno lasciato tracce degli etruschi secondo loro uso e consumo. E’ normale che sia stato così, ma è importante recuperare una memoria più dettagliata e coerente, di civiltà che molti secoli prima avevano già raggiunto conoscenze molte elevate ad ampio spettro. Gli Etruschi forse sono stati la massima espressione in terra italica, ma non dobbiamo dimenticare come altre popolazioni, precedenti e coeve, abbiano contribuito al “fenomeno culturale” etrusco in tutto il suo splendore.”

Romanzo storico come strumento efficace di marketing territoriale e turistico?

“Ritengo che raccontare una storia e “vivere” i luoghi dove essa si sia svolta, lascia spazio ad un nutrimento superiore. Nel caso specifico visitare i siti etruschi è fondamentale per comprendere il loro modo armonioso di rapportarsi con la natura, e siccome la scelta dei luoghi di dove edificare alcuni spazi, soprattutto quelli legati al culto, ai riti, e al loro rapporto con la morte, hanno delle caratteristiche energetiche particolari, viverli è un po’ assorbire per risonanza la loro forza e le loro motivazioni spirituali. Credo così tanto a questo concetto,  tanto che il mio romanzo “Lituus” è corredato di cartine, un po’ alla Tolkien, con indizi geografici per raggiungere da soli i luoghi.”

Perchè leggere “Lituus – Gli Etruschi e le energie della Madre Terra”?

“Perché è uno scritto diverso dai soliti romanzi che raccontano degli etruschi, perché il contenuto di quest’opera insegue le tracce di un personaggio realmente esistito attraverso le vicende della sua evoluzione personale, da adolescente scanzonato ad àugure illuminato e conscio del proprio ruolo. Per questo affronterà le prove iniziatiche, alcune davvero traumatizzanti, che lo faranno diventare un àugure, con la disinvoltura un po’ folle di un adolescente che si considera quasi immortale e la leggerezza consapevole di chi avverte, dentro di sé, la propria natura quasi divina. Lo seguiremo nel suo percorso, entreremo nel centro, pulsante di vibrazioni mistiche, delle cerimonie iniziatiche: il suono officiato dai dodici sacerdoti, il corteo dei Misteri delle acque, lo sprofondare nei labirinti degli dei in cerca della Grande Madre e la successiva resurrezione, la terrificante cerimonia delle folgori sull’isola di Ilva, la fondazione della nuova città di Statnes e, in conclusione la sensazione del rapporto delicato e poetico che gli etruschi avevano con la morte. L’idea è quella che nel corso del racconto, si entri progressivamente più in profondità nell’animo del personaggio e intanto percepire in sottofondo qualcosa che sembra un contrappunto musicale in sordina e che descriva le sensazioni di un narratore molto lontano nel tempo.”

Continuerà a scrivere di popolazioni italiche nei suoi prossimi romanzi?

“Come dicevo, “Lituus” è nato per una mia esigenza, e sento ancora  l’esigenza di raccontare degli etruschi o comunque di un modo di pensare trasversale che accompagnava l’Uomo di quel tempo, ho un progetto in corso…ma scrivere è per me un po’ come un temporale improvviso, imprevedibile nel momento e nella sua intensità.”